- reset +
English (United Kingdom)Italian - Italy
Home Cosa vedere

Cosa vedere

Como

PDFStampaE-mail

Inizierò la visita guidata di Como con il raccontarvi la storia della città di Como che inizia tantissimi anni fa con i Celti e i Liguri, passeggeremo, poi, fra il cardo e il decumano di origine romana e vi mostrerò le più antiche vie di Como risalenti al medioevo, in cui si respira ancora un'atmosfera d'altri tempi. Visiteremo il duomo di Como e i suoi gioielli nascosti all'interno, la chiesa di San Fedele nella piazza del mercato considerata il cuore di Como; vi racconterò delle tradizioni, della cucina locale e di molto altro... il tutto passeggiando piacevolmente fra le affascinanti vie della città.

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 18:22  

La cattedrale

PDFStampaE-mail

La cattedrale di Como, a pochi passi dal lago di Como, (1396-1744) è stata edificata nell’arco di  quasi 350 anni ed è un magnifico esempio di armonia di stili:  le navate  gotiche, la facciata  rinascimentale con molte opere dei fratelli Rodari, la cupola e le absidi laterali barocche. Le opere d’arte che si possono ammirare all’interno sono moltissime come  gli stendardi e gli arazzi datati XVI – XVII secolo, le acquasantiere che sono testimonianze della precedente chiesa di Santa Maria Maggiore databili XI sec., un bellissimo altare ligneo dedicato a Sant’Abbondio (patrono di Como) databile XVI sec. e il prezioso altare trecentesco. La cattedrale di Como è un vero e proprio museo che racconta la nostra storia!

Accanto alla cattedrale sorge il Broletto costruito nel 1215 in stile romanico – gotico  a fasce policromi che aveva funzione di palazzo comunale. Ora è adibito ad ospitare conferenze e mostre.

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 17:50  

La basilica di S.Fedele

PDFStampaE-mail

La basilica di San Fedele a Como si affaccia sulla caratteristica omonima piazza dove sono conservate delle case “a balcone” medievali.La basilica risale, probabilmente, al VI sec. ma la forma attuale è definita nel XI sec. quando si collocano le  spoglie del martire Fedele all’interno. Importanti testimonianze della scultura medievale si hanno sul “Portale del drago”, così come all’interno si possono ammirare dei preziosi affreschi medievali sul muro sbieco. La facciata rifatta nel XX secolo è di stile neoromanico.
Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 17:50  
 

Le torri

PDFStampaE-mail

 

Porta Torre alta 40 mt., è costruita nel 1192 e fa parte del sistema difensivo che la città di Como erige sulle mura romane distrutte dai milanesi nella guerra decennale contro Como. La fortificazione era difesa da un fossato  riempito nel XIX secolo.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 17:32  

Il teatro sociale

PDFStampaE-mail

Il Teatro Sociale progettato dal Cusi viene inaugurato nel 1813 e sorge sull’area del Castello della Torre Rotonda duecentesco demolito proprio per far posto al teatro. Di impianto neoclassico la facciata è preceduta da un pronao di sei colonne corinzie.

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 17:51  
 

I musei

PDFStampaE-mail

A Como, “Città della seta”, non poteva mancare un museo dedicato al prezioso tessuto! Nel 1990, infatti, si apre questo museo dedicato a tutte le fasi della lavorazione con l’ esposizione di macchinari tessili e la ricostruzione di un laboratorio chimico.

 

Le Raccolte d’Arte sono ospitate a Palazzo Volpi e si snodano cronologicamente dal medioevo con affreschi e fregi scultorei fino alle opere d’arte del ventesimo secolo di artisti comaschi o che lavorano nella zona come Sant’Elia, Manlio Rho ed Ico Parisi. Palazzo Olginati è sede del Museo storico Giuseppe Garibaldi comunicante con  Palazzo Giovio in cui sono raccolti cimeli, divise e oggetti appartenuti a Garibaldi e ai garibaldini comaschi.Palazzo Giovio ospita dal 1894 il Museo archeologico in cui sono raccolti reperti egizi e del territorio lariano, fra cui l’importante carro funebre dell’Età del Ferro.

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 17:33  

Il lago di Como

PDFStampaE-mail

Il Lago di Como offre paesaggi unici che si possono godere prendendo il battello e percorrendolo lentamente. Il Lario, antico nome del lago dato dai romani, ha tre rami: l’ Alto Lario ( ramo a nord), il ramo di Como (ramo occidentale), e quello di Lecco ( ramo orientale).

Il primo bacino del lago di Como è caratterizzato da bellissime ville neoclassiche che oggi appartengono a stars hollywoodiane, a regnanti arabi a magnati russi che amano il clima mite del lago, lo stupendo paesaggio e la riservatezza.

 

 

Da Como fino all’Alto Lario il lago è disseminato di caratteristici paesi come Cernobbio dove si trova uno dei più lussuosi hotel al mondo ‘Villa d’Este’. Da Argegno si può raggiungere la Val Intelvi, disseminata di chiese barocche e immersa in una natura meravigliosa. Più avanti si trova Ossuccio da cui si può salire il Sacro Monte, in cui si respira una profonda spiritualità e raggiungere la bella chiesa dedicata alla Madonna del Soccorso. Sempre ad Ossuccio si può prendere la barca e raggiungere in pochi minuti l’Isola Comacina, unica isola del lago, ricca di testimonianze della sua bizzarra storia. La bellissima villa Balbianello del FAI si trova in una delle posizioni più suggestive del lago, sul promontorio del Balbianello da cui si gode una vista mozzafiato ed è stato girato ‘Star Wars episodio II’. Mezzegra luogo di memoria per l’esecuzione di Mussolini e della Petacci. Villa Carlotta, famosa in tutto il mondo per il suo meraviglioso giardino e per le opere d’arte di Canova, Thorwaldsen e Hayez esposte nella villa. A Gravedona si trova Santa Maria del Tiglio, uno degli esempi più straordinari di romanico, così come San Fedelino, un piccolo gioello  sul lago di Mezzola.

 

 

Sulla sponda orientale del Lago di Como si trovano suggestive ville come ‘La Pliniana’ a Torno, resa famosa dalla sua fonte ad intermittenza, fenomeno che studiò anche Leonardo da Vinci. Sempre a Torno si trova l’importante chiesa di San Giovanni che conserva la reliquia del Santo Chiodo della Croce di Gesù. Anche questa sponda regala paesini caratteristici a picco sul lago: ricordiamo Careno dalla bizzarra forma a triangolo. Si arriva, così a Bellagio ‘Perla del Lago’, un caratteristico borgo fatto di suggestivi vicoli dove si trovano hotels prestigiosi, raffinati negozi di artigianato locale. Da visitare anche Villa Melzi con il suo stupendo parco.

 

 

Da Menaggio si può prendere la strada che congiunge il lago di Como a quello di Lugano dove, riscendendo si entra nel territorio della Valsolda, bella vallata che confina con la Svizzera e famosa per accogliere le memorie di Fogazzaro in ‘Piccolo mondo antico’. Non si può dimenticare Campione d’Italia, piccolo territorio italiano in Svizzera, che si affaccia sul Ceresio, dove arte e divertimento si fondono, potendo qui fare una divertente sosta al Casinò Municipale e assistere ad eleganti spettacoli e galà.

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Novembre 2016 17:36